ISOLARE CON LA CELLULOSA

La cellulosa in fiocchi è un isolante naturale a basso impatto ambientale che può essere utilizzato sia per isolare pareti esterne dotate di intercapedine che sottotetti. Oltre a proteggere dal caldo e dal freddo la cellulosa è un isolante acustico.

L'importanza dell'isolamento termico

L'isolamento termico di un edificio permette di creare una barriera al passaggio del freddo o del caldo attraverso le pareti. Questo flusso termico si ha solo in presenza di uan differenza di temperatura. La funzione di un isolante è proprio quella di limitare i flussi termici (o dispersioni) attraverso le pareti. Un isolamento assente o insufficiente è causa dunque di un aumento delle dispersioni termiche e quindi dei consumi energetici, con spese di riscaldamento o di climatizzazione estiva che possono essere molto elevate. Teniamo conto infatti che in un edificio il 40% delle dispersioni termiche avviene attraverso le pareti, il 35% attraverso i serramenti ed il 15% attraverso il tetto.

Vantaggi dell'isolamento termico in estate ed in inverno

Isolare termicamente una parete significa principalmente ridurne il valore di trasmittanza termica, con benefici sia in inverno che in estate. Nel periodo invernale la temperatura interna è normalmente superiore a quella esterna, con trasferimento di calore verso l'esterno. In assenza di isolamento termico ci troveremo in una situazione in cui la caldaia rimane accesa per buona parte della giornata, con un aumento dei costi per il riscaldamento. In questo caso l'isolamento avrà lo scopo di ostacolare queste dispersioni. Nel periodo estivo ci troviamo invece nella situazione opposta, con passaggio di calore verso l'interno dell'abitazione che riduce il comfort ambientale. L'isolamento dovrà quindi impedire o ridurre il passaggio del calore all'interno, migliorando il comfort fisiologico degli occupanti.

Isolare con la cellulosa in fiocchi

L’isolamento termico delle pareti di un edificio deve essere fatto studiando le condizioni climatiche esterne e utilizzando materiali isolanti naturali, tipici della bioedilizia, ottenuti con ridotto impatto ambientale in fase di produzione. Uno di questi materiali isolanti naturali è la cellulosa in fiocchi. La cellulosa in fiocchi oltre a garantire una protezione contro il caldo ed il freddo, ha caratteristiche tali che la rendono anche un buon isolante acustico. La cellulosa, a differenza dei materiali comunemente utilizzati per l’isolamento termico, è in grado di garantire delle buone qualità traspiranti, evitando la formazione di muffe e condense.

La cellulosa in fiocchi può essere utilizzata per coibentare pareti dotate di intercapedini e per isolare tetti e sottotetti. Una volta verificata la presenza di un intercapedine nella parete da isolare si può procedere con l’insufflaggio della cellulosa in fiocchi nell’intercapedine stessa, praticando una serie di fori del diametro di 40 cm, a circa 50 cm dal pavimento e una altra serie a 50 cm dal soffitto, tra loro distanziati di circa 100/150 cm. Grazie alle sue caratteristiche fisiche, la fibra di cellulosa riesce a riempire tutti gli interstizi presenti nei vani, evitando zone di discontinuità (con creazione di ponti termici) e garantendo una densità in opera di 50-55 kg/mc, che assicura una stabilità dell’isolamento termico nel tempo. Al termine dell’operazione di insufflaggio si procederà alla chiusura dei fori.

Nel caso invece di isolamento termico di sottotetti con cellulosa si possono utilizzare differenti soluzioni a seconda dell'uso che viene fatto del sottotetto.

Isolare i muri esterni

Isolare il sottotetto